Riflettere, è sempre bene riflette! 
Mi rifaccio al post di Beppe Grillo:
“Circonvenzione di elettore”,
precisamente su quanto stabilito dall’art. 67 della Costituzione della Repubblica italiana che così recita:

“Ogni membro del Parlamento rappresenta la Nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato”.

E così si esprime Beppe:

“Questo consente la libertà più assoluta ai parlamentari che non sono vincolati né verso il partito in cui si sono candidati, né verso il programma elettorale, né verso gli elettori. Insomma, l’eletto può fare, usando un eufemismo, il cazzo che gli pare senza rispondere a nessuno. Per cinque anni il parlamentare vive così in un Eden, in un mondo a parte senza obblighi, senza vincoli, senza dover rispettare gli impegni, impegni del resto liberamente sottoscritti per farsi votare, nessuno lo ha costretto con una pistola alla tempia a farsi inserire nelle liste elettorali.”

Secondo me, prima di sparare a zero su di un argomento, bisognerebbe soffermarsi un attimo ed approfondire la cosa, senza agire d’impulso come magari si vorrebbe.
Perchè mai i nostri padri costituenti avranno deciso di inserirlo nella costituzione?
Per favorire forse passaggi di casacca interesati, tradimenti e gabbanate?
No.
Per una motivazione semplicissima.
Se il NOSTRO rappresentante fosse vincolato irriducibilmente al partito od al movimento nel quale è stato eletto, dovrebbe sempre e comunque assecondare e seguire le linee guida di tale gruppo, in qualsiasi circostanza.
Bhe, direte voi, è che c’è di male?
In fondo è proprio ciò che questo movimento sta promuovendo con pieno convincimento.
C’ è di male che se improvvisamente un partito, od un movimento decidesse di, che so, prendere il controllo del paese, proponendo e facendo approvare una serie di norme repressive ed autoritarie, il nostro buon rappresentante non potrebbe far altro che assecondarle o dimettersi.
Gli sarebbe completamente preclusa la possibilità di opporsi, anche in parlamento, contro tali norme, costituendo nuovi gruppi di lotta ed opposizione all’interno dell’alveo democratico e lagale.
E sembra poca cosa???
Rflettere, bisogna sempre riflettere prima di esprimersi.
Sto riponendo veramente tanta fiducia nel fatto che lo scossone dato da queste elezioni possa davvero cambiare le cose.
Ma per favore Beppe, bisogna sempre studiare bene le cose prima.

Commenti

Aggiungi commento
Commento non disponibile per questa notizia.