La vacuità del folle, folle tempo 


“Incespicando nella luce, colto da bagliore, persi il tempo e persi l’ orizzonte.”


Quanti, dissero e ridissero, nel bagno porpora di vita e morte.
Quanto ogni potere dato e preso, a sfregio e scusa, come scudo s’ inalbera al cielo ed alla sorte.
E forte è dato, ad ingigantire il forte.
E preso, ad impietosire il folle.
Folle di vita, di solitudine e disperazione.

E nel piccolo identica vedo la stessa, bramosa ed insignificante incomprensione a se e al mondo.
E nello specchio osservo, con occhi assonnati, l’ adagio e l’ ingrasso all’ anima che nel calice stracolmo abbondano.

Oh forse lontano un mattino sveglio e desto al mondo potrò osservare finalmente il cielo,
sgombro di nubi, sgombro di ombre, sgombro di falsa accecante luce.

ODINO


MA CHE TU

PENSI DEL CIELO

E DELLA TERRA INTERA?


DEL CIELO E DELLE NUVOLE

DELLE ONDE DEL TEPORE E DELLA LUCE?

DEL FISCHIO DEL TEMPO, DELL’ URLO DEL GABBIANO,

E DEL SILENZIO INNOCENTE, ARDENTE DEI TUOI OCCHI NERI E COSI’ PROFONDI?


Commenti

Aggiungi commento
Commento non disponibile per questa notizia.