Passi smorzati nel Tempo. 
Arrivava la sera e contavo i passi.
I passi del mattino all'albeggiare, quelli più tenui, sulla spiaggia, anche i più caduci perché spazzati dal mare.
E via via che i passi seguivano i passi, le impronte di facevan più forti.
Sino al mezzodì, quando quasi rimbombavano con cadenza militare, forti e pressanti.
Li guardavo e li contavo, ma il conto si perdeva nell'abbacinante luce del sole.
Li seguivo e li contavo anche il pomeriggio, più tenui e leggeri.
Sicuri, presenti e consolanti.
Ma ne perdevo il numero la sera, il vento sospirava troppo forte.
E la luce si rifaceva tenue.
Ed impossibile era tenerne il conto.
E come un cieco immaginavo di contarne il numero.
Memore dei passi che furono, consapevole di quelli che mai più saranno...

Commenti

Administrator (Dragavide) 
cvcxxc

Aggiungi commento
Commento non disponibile per questa notizia.