Sex Crime and Vatican 

Giovedi sera 31 Maggio 2007 è andata in onda su RAI2 la trasmissione di Santoro su "Sex Crime and Vatican".
Come già avevo avuto modo di appurare vedendo il filmato in questione sottotitolato in italiano oramai reperibile ovunque in rete nonostante la censura per diritti di copyright, ciò che più mi ha provocato oltre lo sgomento è stato l'orrore.
Secondo quanto affermato dal filmato sono stati numerosi nel mondo gli abusi compiuti su bambini da parte di esponenti della chiesa cattolica. Ma non è questo che tanto colpisce. Lascia molto interdetti il comportamento tenuto dalle gerarchie ecclesiastiche, improntato a celare il più possibile il fenomeno ed a lasciare del tutto impuniti i responsabili di tali azioni, decidendone il solo trasferimento ad altre sedi o parrocchie, ove puntualmente i fenomeni si ripetevano. Il tutto farcito da pressioni e minacce verso le vittime di tali abusi ed i loro familiari. Arrivando addirittura alla stesura di un documento riservato in cui venivano precisate le modalità di azione da adottare in casi del genere (prescrivendo una politica di segretezza assoluta su tutti gli abusi), misure che comprendevano la minaccia di scomunica nel caso di divulgazione del documento e degli abusi alle vittime, ai testimoni ed ai responsabili. Documento redatto dapprima nel 1962 col nome "INSTRUCTIO DE MODO PROCEDENDI IN CAUSIS SOLLICITATIONIS". L'impegno di imporlo per 20 anni fu affidato all'attuale papa, Ratzinger. Nel 2001 Ratzinger emanò un documento ulteriore, improntato alla stessa filosia, in cui veniva ribadita con enfasi la segretezza pena la scomunica.
Orrore quindi.
Per cosa?
Per ciò che hanno dovuto subire le vittime.
Per il documento redatto dalla chiesa che impone il silenzio pena la scomunica.
Per la sostanziale impunità dei responsabili degli abusi nei casi non venuti alla luce.
Per il perpetrarsi di tali atti a carico sempre degli stessi responsabili causati oltreché dall'impunità, dai reiterati trasferimenti causa ancora di abusi su altri bambini.
Per il fatto che il responsabile dell'applicazione di tale documento sia ora a capo della chiesa cattolica.
Sono perfettamente cosciente che la chiesa sia costituita perlopiù da persone serie, responsabili e dedite ad opere di assistenza e sostegno e che i responsabili di tali abusi siano solo un piccola minoranza. Ciò non giustifica le azioni compiute, non ammette l'impunità, l'omertà, l'irresponsabilità. Proprio per il compito che la chiesa si è assunta nel mondo.
E ancora meno a questo punto si capiscono le pretese di ergersi a paladini dei diritti naturali invadendo in modo poco opportuno la società civile con pretese di verità assolute verso uno stato laico per argomenti riguardanti le unioni civili, l'omosessualità, la ricerca scientifica.
La chiesa avrebbe ogni diritto di affermare ciò che ritiene il proprio messaggio, ma senza l'arroganza, la presunzione, l'innocenza dell'assolutezza di cui si erge.

Per approfondire questi temi è utile visitare i seguenti link:
Filmato del documentario BBC sottotitoli in italiano by Bispensiero
Reso nuovamente disponibile su Google Video
Documento originale di "Crimen Sollecitationis"
Beppe Grillo
Bispensiero
BBC NEWS PANORAMA

[ Leggi notizia ] ( 1930 letture )   |  permalink  |  $star_image$star_image$star_image$star_image$star_image ( 3 / 1030 )

<<Prima <Indietro | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | Altre notizie> Ultima>>